ROTZO un paese da scoprire

 

 

 

 

ROTZO offre al visitatore diversi itinerari sui quali poter praticare l'escursionismo durante le quattro stagioni, ma soprattutto d'estate, la stagione ideale per compiere delle belle passeggiate durante le quali è possibile osservare da vicino la ricca flora e la stupenda fauna che caratterizza questo piccolo paese di montagna. Nella parte del Sito relativa alla flora e alla fauna è possibile ammirare alcuni particolari di fiori o animali che il visitatore, rispettando la natura , potrà incontrare nel corso delle passeggiate che ci accingiamo a descrivere. Questi percorsi, sono caratterizzati da diversi gradi di difficoltà, adatti quindi ad ogni livello di capacità di chi ama farsi " quattro passi " o " quattro pedalate in mezzo al verde.

Sentieri C.A.I.



Passeggiate


 



810 :Spiazzo Garibaldi - Forte Campolongo - Malga Campolongo - Voragine dello Sciason - Spiazzo Garibaldi
La prima parte dell'itinerario segue una suggestiva strada sterrata all'interno di un bosco ricco di vegetazione e di silenzio fino alla vetta di Cima Campolongo, dove, ancora oggi si possono visitare i ruderi di uno dei forti italiani della prima guerra mondiale. Di qui si possono ammirare gli altipiani di Tonezza e Vezzena, di Asiago fin verso la Catena del Pasubio o le Dolomiti del Brenta. Sulla via del ritorno si può visitare la bella voragine dello Sciason .L'itinerario non presenta difficoltà , ma si deve fare attenzioni alle pareti strapiombanti nei pressi del Forte Campolongo.
Dislivello m. 265 - Tempo percorrenza ore 2.00

IL percorso ha inizio dallo Spiazzo Garibaldi , a m. 1455, che si trova risalendo la strada che da Mezzaselva porta al Monte Verena, subito dopo l'incrocio con la strada asfaltata proveniente da Albaredo. Si prende in direzione Sud, per la strada lungo la quale si incontra sulla destra la Casara Prà Tedeschi(m.1600). Superata la strada militare che risale da destra dalla Malga Campolongo, dopo alcuni brevi tornantini, ci si trova di fronte l'imboccatura del Forte Campolongo(m. 1720 - ore 1.00) che accoglie con la sua entrata in roccia ancor oggi suggestiva. Il Forte Campolongo merita una visita, per cui è consigliato avere con sé anche una torcia elettrica. Per discendere si segue per un breve tratto l'itinerario di salita fino al tornante di q. 1678 dove si abbandona la strada per raggiungere in breve la Malga Campolongo(m.1546). Di qui è consigliabile seguire le indicazioni che portano alla voragine dello Sciason ( profonda 96 m). Per ritornare al punto di partenza si segue la strada asfaltata tenendo sì sempre sulla destra fino a giungere in poco più di un Km il punto di partenza ( ore 2.00)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Copyright © 2001-2009 Slaviero Bruno & Ferraresi Massimo. Tutti diritti riservati.