ROTZO un paese da scoprire

 


Riconoscimenti e Onoranze

Nel 1908, esattamente il 14 gennaio, il Comune di Rotzo, deliberava, a voto unanime, di collocare una lapide sulla facciata esterna del Palazzo Municipale ad onore del suo illustre cittadino. Sulla lapide, con medaglione in bronzo, era incisa la seguente iscrizione:

" Ad Agostino Dal Pozzo

  • che alla cura dei corpi preferiva quella delle anime-
  • fu sacerdote pio, colto, modesto-
  • di giovani eletti educatore impareggiabile-
  • storico dottissimo di questi Sette Comuni-
  • e delle loro Chiese Parrocchiali-
  • dei dialetti delle nostre Prealpi indagatore profondo-
  • raccoglitore diligente-
  • letterato poeta filosofo-
  • nato in Rotzo addì 23 gennaio 1732-
  • morto a Bassano addì 28 luglio 1798-
  • perché sia ricordato nel marmo-
  • come negli insegnamenti negli scritti negli esempi-
  • Onore della Patria-
  • Gli Amministratori del Comune posero Anno 1909-

Meritata apoteosi, un ufficiale riconoscimento che Rotzo ha voluto tributare ad un suo figlio che così altamente lo onora. Purtroppo, durante la Prima Guerra Mondiale, la lapide è andata distrutta. Dopo la seconda Guerra Mondiale, si ravviva l'interesse per la ricerca storica e linguistica delle popolazioni dell'altopiano da parte di studiosi tedeschi della Baviera. L'antica lingua "Cimbra" ritorna ad essere oggetto di studio e arrivano sull'Altopiano degli appassionati ricercatori per verificare i risultati delle sudate indagini del Dal Pozzo. Per assicurare la sua memoria ai posteri, documentare la sua relazione di studioso e di storico con i bavaresi e l'accoglienza riservata a uno di loro, a Castelletto, dalla sua famiglia, viene collocata, negli anni 70 una targa in bronzo sulla facciata della casa natale di Agostino Dal Pozzo "Prunnar" con una scritta in lingua tedesca e italiana che si riporta integralmente qui di seguito: " Ciò che no " Prunnar" facciamo per voi signore, nasce dal cuore e non dalle labbra". E' il saluto col quale la famiglia Dal Pozzo "Prunnar" accolse il grande linguista Giovanni Andrea Schmeller il 30 settembre 1833 quando la prima volta fu a Castelletto. Nel secondo centenario della morte, il Comune di Rotzo e la Comunità Montana Sette Comuni posero un busto in suo onore sulla facciata del Municipio insieme ad una lapide riportante il seguente testo:

AGOSTINO DAL POZZO

Nato sotto questo cielo il 23 gennaio 1732,
di spirito illuminato e mente geniale,
fu archeologo, storico, poeta e glottologo.
Ricercatore instancabile, preferì la cura
delle anime a quella dei corpi.
Morì a Bassano il 28 luglio 1798.
In suo onore il Comune di Rotzo
E la Comunità Montana Sette Comuni,
posero questo busto nell'anno 1998."
"Terr'aspra ma prod'uomini produce"

La luminosa figura dell'Abate Agostino Dal Pozzo, e il grande onore che gli è stato tributato, possano essere per tutti i cittadini di Rotzo e dell'Altopiano, un motivo di patrio orgoglio e di stimolante sprone per conoscere e apprezzare sempre più il nostro concittadino, illustre storico, letterato e geologo, imitarne l'esempio di fervore civico per rendere fecondo con operoso impegno l'amore per la propria terra. E il suo nome, allora, non sarà più una semplice e indifferente parola, ma un vibrante richiamo ai nostri doveri religiosi e civili.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

Copyright © 2001-2009 Slaviero Bruno & Ferraresi Massimo. Tutti diritti riservati.